FARM.STRAMPELLI SAS DEL DR. NICOLA

registrati farmacia promozioni consigli prodotti servizi carta fedeltà contatti chi siamo

Un'accurata fotoprotezione: il solare è ideale se lo usi sempre

Oltre ai filtri stabili ad ampio spettro, due aspetti appaiono altrettanto rilevanti per un’accurata fotoprotezione:

  • La quantità di solare applicato
  • Il metodo di applicazione (quando e quanto).

Prestare attenzione a questi due aspetti consente di evitare o ridurre le scottature e aumentare l’efficacia protettiva del solare.

Quando applicare il solare

Si raccomanda di applicare il solare 15-30 minuti prima dell’esposizione al sole. È una buona regola, anche se può essere difficile trattenere un ragazzino all’ombra vicino ad una spiaggia. D’aiuto sono i solari che vantano un’azione immediata. È necessario porre attenzione al falso senso di sicurezza che può essere ingenerato dal trattamento: non prolunghiamo inutilmente l’esposizione al sole. L’effetto del solare ha infatti una durata limitata. Uno studio condotto su un comune solare ha evidenziato una perdita d’efficacia di circa il 40% in 4 ore e di oltre il 50% dopo 8 ore. È quindi importante riapplicare il solare ogni 2 ore, così come dopo docce, nuoto, sudorazione. È sempre preferibile evitare di esporsi al sole tra le 10 del mattino e le 3 del pomeriggio, quando la radiazione UV è più alta e proteggere la pelle con cappelli, occhiali e abiti a maniche e gambali lunghi.

Quanto solare applicare

La quantità corretta è definita dalla commissione europea che si occupa di cosmetici (COLIPA) in 2 mg per ogni centimetro quadrato di pelle. Per tutto un corpo di dimensioni nella norma, la quantità di solare sarà compresa fra i 30 ed i 45 grammi totali, ovvero il volume contenuto in un bicchierino da liquore. Purtroppo è frequente l’applicazione di un quarto della quantità raccomandata, che è evidentemente troppo poca per un’efficace foto-protezione. È quindi importante utilizzare solari che consentono di sapere esattamente la quantità che si sta applicando e che corrisponde a quella raccomandata.

La resistenza all’acqua del solare

La resistenza all’acqua di un solare ha un impatto decisivo sul mantenimento dell’efficacia protettiva. La resistenza all’acqua viene ottenuta utilizzando filtri UV con minima solubilità in acqua grazie ad avanzate tecnologie cosmetiche, caratteristiche rispettate soltanto in solari di elevata qualità.

Quale tipo di solare si deve usare?

È una scelta personale, che dipende dal tipo di pelle e dall’area del corpo sulla quale applicare il solare:

  • le creme sono più adatte alle pelli secche ed al viso
  • i gel sono ottimi per le aree con peli e capelli
  • gli stick sono utili intorno agli occhi, sulle cicatrici o sui tatuaggi
  • gli spray sono ideali per i bambini

Condividi


Ti può interessare anche...

Le cistiti ricorrenti e la prevenzione

Si definisce cistite ricorrente, la cistite che si manifesta almeno 3 volte l’anno.

Benessere

Crema viso idratante acido ialuronico e aloe vera - Azione filler

Trattamento viso - Idratazione

Cura della pelle

Siero acido ialuronico concentrato 40% - Azione filler 30ml

Conosci la linea dei farmacisti della rete +bene?

Cura della pelle

Stop Cistite!

La cistite è un’infiammazione della vescica urinaria, un organo cavo, che mette in comunicazione i reni con l’esterno del corpo e ne raccoglie l’urina prodotta in attesa di eliminarla.

Benessere

Il meraviglioso viaggio verso la vita

Il meraviglioso viaggio verso la vita porta a cambiamenti in vari ambiti e ti pone di fronte a situazioni nuove. Il nostro intento è di fornirti qualche suggerimento che ti accompagni durante la gravidanza e nei primi mesi accanto al tuo bambino.

Benessere

I sintomi e la cura della Cistite

Il sintomo maggiormente riportato è la necessità di urinare spesso, quindi prima che la vescica si riempia.

Benessere

Che tipo di pelle sei?

Per avere una pelle bella e luminosa bisogna seguire alcuni accorgimenti... Scopri tutti i segreti della tua pelle!

Cura della pelle

Il diabete si cura ma non si guarisce

Terapia della malattia diabetica.

Diabete

Invecchiamento cutaneo e carcinogenesi

Invecchiamento cutaneo e carcinogenesi sono due facce della stessa moneta.

Proteggi la tua pelle

Disbiosi intestinale: molto comune ma poco considerata

L’intestino è un organo caratterizzato da complesse funzionalità: digestione, assorbimento, produzione anticorpi.

Alimentazione

Il sistema vascolare

La principale funzione del sistema cardiovascolare è quella di trasportare alle cellule di tutto il corpo il sangue ricco di ossigeno e le sostanze nutritive.

Consigli

Le patologie cardiovascolari e la prevenzione

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di mortalità nel mondo e di ospedalizzazione in Italia. Scopri come fare una corretta prevenzione.

Consigli

I fattori di rischio

Sui fattori modificabili è possibile intervenire prevenendone lo sviluppo o correggerli al fine di ridurre l’aggravamento. Scopri quali sono.

Consigli

L’ipertensione arteriosa

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari, caratterizzata da un aumento stabile della pressione arteriosa oltre un valore soglia.

Consigli

Dislipidemie

I grassi non rappresentano un pericolo ma lo diventano solo quando la loro concentrazione supera dei valori soglia.

Consigli

Diabete

Spesso il diabete è associato anche ad altri fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione, dislipidemie, sovrappeso/obesità viscerale.

Consigli

Obesità e sovrappeso

Il sovrappeso/obesità rappresenta una condizione cronica caratterizzata da un eccessivo peso corporeo dovuto all’accumulo di tessuto adiposo.

Consigli

Alimentazione e fattori ambientali

Delle buone abitudini alimentari associate ad un corretto stile di vita contribuiscono al controllo dei principali fattori di rischio.

Alimentazione

Uno stile di vita attivo

L’attività fisica è uno degli strumenti di prevenzione più importanti per la salute.

Consigli