FARM.STRAMPELLI SAS DEL DR. NICOLA

registrati farmacia promozioni consigli prodotti servizi carta fedeltà contatti chi siamo

Ogni età della vita ha delle necessità nutrizionali specifiche

La salute si costruisce nell’infanzia

Lo sai che…

Un bambino “grasso” ha un rischio molto maggiore di esserlo anche da adulto. Appare quindi evidente che una buona educazione alimentare deve iniziare sin da quando i bambini sono piccoli, perché poi recuperarla da adulti è molto più difficile. Per tutti questi motivi, i genitori devono imparare a porre regole e limiti ai figli anche per quanto riguarda il cibo, ricordando che a volte bastano accorgimenti minimi per evitare che i bambini mangino troppo e male.

Cominciando sin dalla nascita, è ormai ben noto che l’allattamento prolungato al seno – fonte di innumerevoli vantaggi per la salute del bambino − è anche una buona strategia per controllare l’obesità infantile. Per esempio, i bambini che crescono velocemente di peso nei primi mesi di vita, se sono allattati al seno almeno sino ai quattro mesi, hanno una quota ridotta di grasso corporeo e tendono a normalizzare il loro peso entro i 5 anni. Al contrario, nello stesso tipo di bambini, l’allattamento artificiale facilita il mantenimento dell’eccesso ponderale tra i 2 e i 5 anni di vita. Con il proseguire della crescita, assume poi naturalmente un ruolo decisivo il tipo di alimentazione, a sua volta influenzata da fattori ambientali e soprattutto familiari. I comportamenti alimentari di un bambino fino a 6 anni risultano direttamente correlati a quelli dei genitori, soprattutto della mamma. Solo in seguito subentra l’influenza dei cosiddetti fattori ambientali (compagni di scuola e amici con cui si praticano hobbies e sport, modelli proposti dalla TV, ecc.).

L’età prescolare (3-5 anni) rappresenta una fase importantissima sotto il profilo della costruzione delle scelte alimentari: è in questo periodo che il bambino viene introdotto alla varietà dei cibi presenti in tavola e alla preferenza di alcuni alimenti rispetto ad altri (ad esempio verdura e pasta piuttosto che snacks e dolci). E proprio in questa fase i genitori hanno un ruolo attivo, attraverso la qualità del cibo ed uno stile di vita fisicamente attivo per favorire una regolare crescita e sviluppo. Ci sono situazioni in cui è consigliato integrare la dieta dei più piccoli con nutrienti fondamentali, come proteine, vitamine e minerali, ad esempio durante il cambio di stagione, periodi di convalescenza, oppure quando per diverse ragioni il bambino mangia poco e/o male.

Ci sono situazioni in cui è consigliato integrare la dieta dei più piccoli con nutrienti fondamentali, come proteine, vitamine e minerali, ad esempio durante il cambio di stagione, periodi di convalescenza, oppure quando per diverse ragioni il bambino mangia poco e/o male.

La salute si consolida nell’età adulta

Lo sai che…

Sebbene ci siano certamente dei fattori genetici che contribuiscono al sovrappeso, la maggior parte delle persone sviluppa insulino-resistenza a causa di una vita caratterizzata dall’accumulo di scelte sbagliate come seguire una dieta ricca in cereali raffinati e grassi saturi, vivere quotidianamente sotto stress e fumare. L’attività fisica potrebbe essere il più importante fattore dello stile di vita sia per prevenire che per far regredire l’insulino-resistenza. Infatti, è stato dimostrato che l’attività fisica aumenta la sensibilità all’insulina post-esercizio. Anche un’attività fisica di routine (inclusa la camminata leggera), per quattro volte la settimana, diminuisce i depositi di grassi corporei, tende a ridurre il consumo di cibo e contrasta l’insulino-resistenza.

Per stile di vita fisicamente attivo si deve intendere innanzitutto un tipo di comportamento che dia la preferenza, nell’espletamento delle attività quotidiane, all’uso dei propri muscoli. Ad esempio, ogni qual volta è possibile, camminare invece di usare l’auto, salire e scendere le scale piuttosto che servirsi dell’ascensore o delle scale mobili, e così via. A completamento di tutto ciò, un adulto sano dovrebbe aggiungere, quattro o cinque volte la settimana, un’attività fisica aerobica di almeno quarantacinque minuti, di un’intensità tale che possa essere sostenuta senza il “fiatone”, ma con un impegno cardiaco compreso tra il 60 e il 70% del massimale.

La sensazione deve essere quella di una respirazione appena più frequente e profonda del normale, senza affanno eccessivo. Tra le varie attività (il cammino, la corsa, il pedalare, ecc.), è importante scegliere quella che meglio si adatta alle proprie caratteristiche e ai propri gusti. Questa attività deve quindi rientrare nelle normali abitudini e rappresentare un’esigenza al pari dell’igiene della persona. E il motivo non è “semplicemente” il dispendio calorico dovuto all’attività in sé, la ragione più importante per includere l’esercizio fisico nel programma di controllo del peso è l’effetto che questo ha nell’incrementare il metabolismo basale: un esercizio aerobico di intensità moderata ne aumenta il valore e l’incremento può persistere fino a 12 ore dopo l’esercizio. E quando l’attività fisica viene praticata regolarmente, quest’incremento diventa stabile. La diminuzione della massa muscolare è una situazione fisiologica che comincia dopo i 40 anni, accelerando intorno ai 70 anni. Meno massa muscolare significa meno forza muscolare per svolgere le normali attività, come salire le scale, viaggiare e praticare regolarmente sport.

L’adozione di un’alimentazione varia e la pratica regolare di un’attività sportiva possono risultare insufficienti nel tempo. I professionisti della salute promuovono programmi di prevenzione e trattamento affinché si possa mantenere una buona qualità della vita. Una pratica regolare dell’attività fisica e l’adozione di un’alimentazione adeguata all’età rappresentano le linee guida; nuove strategie includono l’assunzione di integratori o supplementi dietetici formulati con proteine nobili, minerali e vitamine specifici che tengano in considerazione le necessità nutrizionali dell’organismo dai 50 anni in poi.

La salute si mantiene nella 3a età

Lo sai che…

In circa il 40% dei casi si verifica un dimezzamento del patrimonio muscolare entro i 75 anni di età con maggiore prevalenza nelle donne. Il problema spesso sottostimato della malnutrizione degli anziani e delle patologie ad essa associate è piuttosto rilevante, soprattutto viste le difficoltà legate alla diagnosi precoce e tempestiva delle patologie, che consentirebbe una cura certamente più adeguata.

L’Italia è uno dei paesi con maggiore tasso di longevità e si stima che il la popolazione anziana è destinata ad aumentare nei prossimi anni. Contemporaneamente alla crescita del numero degli anziani è cresciuto l’interesse per le loro condizioni di salute e benessere ed è stato introdotto il concetto di fragilità per l’anziano. Si intende con questa definizione una condizione di aumentata vulnerabilità correlata alle modificazioni sia anatomiche sia fisiologiche tipiche della 3a età. Gli aspetti che maggiormente caratterizzano il declino neuromotorio dell’organismo nel corso dell’invecchiamento sono la perdita di massa muscolare e della forza, un quadro legato a diversi fattori che prende il nome di “sarcopenia”.

Nei soggetti anziani la distruzione di tessuto muscolare prevale sulla sintesi sia a causa di scarsa attività fisica sia perché spesso negli anziani sono presenti quadri di malnutrizione caratterizzati da carenza di proteine. L’alimentazione in età geriatrica deve essere caratterizzata dall’assunzione di nutrienti come proteine, calcio e Vitamina D, il cui fabbisogno aumenta con l’avanzare degli anni, tutte sostanze importanti nella sarcopenia. È importante evitare di concentrare tutte le proteine in un pasto ma suddividerle in porzioni da assumere durante la giornata. È utile l’integrazione con preparati a base di proteine nobili arricchite con minerali e vitamine specifici, la cui funzione è preservare la massa muscolare e recuperarla. La prevenzione durante l’età adulta è la strategia migliore per mantenere la forza e la massa muscolare che si tendono a perdere con l’avanzare degli anni.

Condividi


Ti può interessare anche...

Apparato gastro-intestinale e durata della digestione

Scopri la sua anatomia e come funziona.

Intestino

Disturbi digestivi

Esistono numerosi disturbi digestivi, con sintomi che variano ampiamente in termini di qualità e intensità a seconda del problema.

Intestino

Bruciore di stomaco e reflusso gastroesofageo

Per contrastare il bruciore, è importantissimo fare molta attenzione alle abitudini imparando a conoscere quelle che possono acutizzare questo disturbo.

Intestino

Sindrome dell’intestino irritabile

E' una condizione che si manifesta con intensità diversa attraverso molteplici sintomi, variabili da persona a persona.

Intestino

La celiachia

E' una malattia infiammatoria permanente dell’intestino scatenata dal consumo di alimenti contenenti glutine in soggetti geneticamente predisposti.

Intestino

Gas intestinali

L’aria nello stomaco e nell’intestino è un disturbo tanto diffuso che non deve destare preoccupazione, ma può creare un serio imbarazzo e ridurre la qualità di vita.

Intestino

Stipsi

E' un problema comune a tutte le età, scopri come contrastarla.

Intestino

Diarrea

La diarrea non è una vera e propria malattia, ma un sintomo aspecifico, comune a numerose malattie, per lo più gastrointestinali.

Intestino

Prevenzione dei disturbi intestinali

I ritmi frenetici della vita quotidiana portano spesso ad abitudini alimentari che sottopongono il sistema gastrointestinale ad un carico eccessivo determinando la comparsa di disturbi.

Intestino

L'importanza dei probiotici nei bambini

In ambito pediatrico i probiotici hanno dimostrato di essere molto utili sui disturbi intestinali dei più piccoli.

Intestino

Nutri la tua salute

Malnutrizione, ipernutrizione e iponutrizione.

Alimentazione

Quando il peso diventa un problema di salute

Sovrappeso, obesità e insulino-resistenza.

Alimentazione

Il ruolo dello stress

I comportamenti alimentari determinati dello stress sono generalmente di due tipi. Scopri quali.

Benessere

Proteggi il sistema vascolare

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari, scopri come misurarla e prevenirla.

Alimentazione

L’importanza del profilo lipidico

E' un insieme di analisi del sangue per rilevare la concentrazione nel sangue di particolari grassi fondamentali per il corretto funzionamento del sistema cardiovascolare.

Alimentazione

L’impatto dell’alimentazione sull’apparato gastrointestinale

Il benessere del nostro intestino dipende da tanti fattori, tra cui il cibo, lo stress e l’assunzione di alcuni farmaci.

Alimentazione

Uso razionale e sicurezza degli integratori

Perché risultino efficaci e sicuri l’impiego di tali prodotti deve avvenire in modo consapevole e informato.

Alimentazione

Come ritrovare o mantenere il benessere

Non è mai troppo tardi per cambiare stile di vita! Segui questa lista di accorgimenti.

Benessere

Come quantificare e monitorare il proprio peso

Tutti siamo abituati a misurare il nostro peso, ma questo è sufficiente?

Alimentazione

Il Ciclo del Capello

E’ normale perdere tutti i giorni un certo numero di capelli quando si tratta di un numero limitato e programmato.

Capelli